sabato 4 luglio 2015

Turismo cinese, oltre le città di prima fascia


This graphic from the World Tourism Cities Federation’s (WTCF) recently published Market Research Report on Chinese Outbound Tourist Consumption (created in partnership with IPSOS) aggregates travel data from a nationwide survey of 100,000 outbound tourists fom June and July of this year.  The results confirm that the bulk of China’s outbound tourism originates from tier-one gateway cities like Beijing, Shanghai, and Guangzhou – with each region contributing more than 15% of all Chinese travelers. Not surprisingly, the more developed coastal provinces of Jiangsu and Zhejiang comprise the second level, contributing 5%-10% of all Chinese outbound tourists. Of particular interest is the still relatively small contributions of emerging urban and commercial centers in Sichuan, Hubei, Shandong, and Liaoning – which are poised for significant growth as Chinese consumers increasingly have the means and desire to explore the world.  [WTCF]
http://www.resonancechina.com/chinese-outbound-tourism-poised-for-growth-beyond-first-tier-cities/?utm_source=ReviveOldPost&utm_medium=social&utm_campaign=ReviveOldPost

martedì 30 giugno 2015

Turismo cinese. Ci sono ancora troppi ostacoli



(AGI) - Trieste, 25 giu. - "Per sfondare in mercati chiave come quello cinese siamo indietro e serve un grande sforzo: potenziare i collegamenti aerei diretti, semplificare le procedure di rilascio dei visti, utilizzare i social network cinesi e puntare sulla formazione, soprattutto sulle lingue orientali". Lo afferma l'europarlamentare del Pd e componente della commissione Trasporti Isabella De Monte che, assieme ad altri tre membri della task force per il turismo ha partecipato a una missione di quattro giorni a Pechino. Secondo De Monte "la Cina, nonostante lo sviluppo della tecnologia e dei collegamenti, e' ancora lontanissima da noi, dall'Italia e dall'Europa in generale. Ne ho avuto la dimostrazione in occasione di questa missione, grazie alla quale abbiamo avviato un percorso di relazioni stabili tra il Parlamento europeo e i referenti politici, tecnici e imprenditoriali del comparto turistico cinese". "Ci sono ancora troppi ostacoli - evidenzia De Monte - che impediscono al nostro turismo di cogliere appieno le opportunita' offerte dal grande mercato asiatico. I principali problemi che ci sono stati segnalati sono la scarsita' di collegamenti aerei diretti con i diversi Paesi europei, le lungaggini burocratiche legate al rilascio dei visti, le difficolta' linguistiche e di comunicazione che incontrano sia gli operatori del settore che i turisti stessi e, infine, i problemi legati al web: in Cina molti degli strumenti che noi utilizziamo abitualmente, come Google o Facebook, non sono visibili o lo sono in modo differente".


Condivido!

domenica 28 giugno 2015

Italy and France accept gaokao scores


College entrance exam gains recognition in more countries, but it lags behind other tests
Up to 1,000 universities in 14 popular overseas destinations for Chinese applicants now accept gaokao test scores as admission criteria, according to a report released on Monday by an online portal for students.
Italy and France, according to MyOffer, are the most welcoming destinations. All of France's more than 180 universities and colleges accept gaokao scores.
Chinese applicants may apply for 206 Italian institutions through bilateral education arrangements operated by the Marco Polo Project and Turandot Program if their scores meet admission requirements.

mercoledì 24 giugno 2015

3 milioni i biglietti EXPO acquistati da Rosso


La società ha annunciato di aver comprato un altro milione di biglietti per l'Esposizione universale che si va così a sommare ai 2 milioni acquistati in precedenza. Si legge sul TTG
Al momento - afferma il presidente Alessandro Rosso - abbiamo venduto 1,7 milioni di biglietti: 1 milione è stato acquistato dai grandi player cinesi, 400mila sono stati venduti alle aziende italiane e la rimanente parte è stata commercializzata attraverso il brand Best Tours ai paesi esteri, soprattutto verso Oriente ma anche Sudamerica e Stati Uniti". http://www.ttgitalia.com/stories/tour_operator/110345_alessandro_rosso_un_altro_milione_di_biglietti_expo/

lunedì 22 giugno 2015

12 coppie di sposi cinesi in Emilia Romagna


Emilia Romagna teatro di un video dedicato alle nuove coppie cinesi. L’idea è dell’organizzatore di matrimoni cinese Rose Wedding che - in occasione dell’Expo di Milano assieme alla municipalità di Shanghai utilizzando come braccio operativo China Youth Travel, uno dei più importanti TO cinesi - vuole promuovere l’Emilia Romagna come destinazione per coppie cinesi interessate a realizzare all’estero, durante la luna di miele, il loro album fotografico.
Per promuovere questo progetto sarà girato in Emilia Romagna, con il coordinamento di Apt Servizi, un video con la presenza di 12 nuove coppie cinesi.
In totale il gruppo è composto da 69 persone perché, assieme alle 12 coppie di sposi, saranno presenti in Emilia Romagna rappresentanti della municipalità di Shanghai e della stampa cinese: 13 giornalisti che lavorano per emittenti televisive e diversi mezzi di comunicazione.
Il progetto si colloca all’interno delle iniziative previste dall’azione promozionale ‘Campagna Riviera di Rimini sul mercato cinese’ promosso dal comune di Rimini, Unione di Prodotto Costa e Apt Servizi.
Per suggellare il legame con la città di Rimini, martedì 26 maggio alle 17 presso la Sala del Giudizio dei Musei Comunali, si è tenuta una cerimonia ufficiale dove è stato firmato un ‘Memorandum d’intesa’ tra il sindaco di Rimini Andrea Gnassi e un rappresentante della municipalità di Shanghai. In questa occasione sono state consegnate alle dodici coppie di sposi cinesi pergamene ricordo della loro visita.
Il programma delle riprese del video interessa, oltre la città di Rimini, la Repubblica di San Marino, Casa Artusi di Forlimpopoli (dove le coppie di neo sposi cinesi parteciperanno a un corso di cucina cui seguirà un pranzo a buffet a base di prodotti tipici), la città di Bologna (con tappe nel centro storico, il Mercato di Mezzo con le sue boutique’ enogastronomiche, la Torre “Prendiparte”), il Museo Ferrari a Maranello. Il gruppo cinese, dopo il tour in Emilia Romagna, farà poi tappa all’Expo di Milano.