giovedì 18 dicembre 2014

VIDEO. La Chine devient la première puissance économique mondiale




La hiérarchie n'est plus la même pour la première fois depuis plus de 140 ans. Le Fonds monétaire international a publié ses calculs : les Etats-Unis ne dominent plus le monde économique. Le pays de l'Oncle Sam est désormais devancé par la Chine, nouvelle première puissance économique mondiale. En 2013, les Etats-Unis étaient en tête avec un PIB de 16,8 milliards de dollars contre 16,1 pour la Chine. Cette année, le PIB de la Chine s'élève à 17,6 milliards de dollars contre 17,4 pour le PIB américain.
Une croissance vertigineuse depuis 1980
Et l'écart pourrait se creuser : d'ici 2018, le PIB pourrait être de 24,8 milliards de dollars pour la Chine et 21,1 pour les Etats-Unis. En 1980, pourtant, le PIB chinois n'était que de 1,9. Depuis, il a été multiplié par deux tous les dix ans. La Chine a bénéficié d'une croissance vertigineuse pour en arriver là. Véritable "usine du monde", le pays est incontournable.
Mais avec ses 1 milliard 300 millions d'habitants, la Chine n'est qu'à la 89e place mondiale en termes de richesse moyenne par personne.
http://mobile.francetvinfo.fr/monde/asie/video-la-chine-devient-la-premiere-puissance-economique-mondiale_768695.html#xtref=http://t.co/TCcoK4FrKM

mercoledì 10 dicembre 2014

Il turismo è fatto di persone che viaggiano e dei loro ricordi. Anche in questo l'Italia ha un tesoro


Ho appena finito di leggere la tesi di laurea di Caterina Pintus che ha come argomento il turismo cinese verso l’Italia. Mi ritrovo in gran parte delle analisi e delle proposte, in particolare sul fatto che occorra puntare non solo sulle cose straordinarie che si possono vedere nel nostro Paese, sui monumenti e i luoghi celebri, o sulle esperienze uniche, ma anche sul nostro patrimonio immateriale, a cominciare dai grandi personaggi.

 Caterina Pintus, laureata presso l’Università degli studi internazionali di Roma (UNINT), dedica diverse pagine ai tanti grandi italiani del passato, che hanno un significato particolare per i cinesi di oggi, e in primis ovviamente ai gesuiti– da Matteo Ricci a Giulio Aleni – che sono riusciti a dare un contributo allo sviluppo stesso della cultura cinese.
E’ una tesi che ho letto volentieri perché da sempre sostengo che il turismo è fatto soprattutto di persone: chi viaggia non sono le merci, ma le persone, e chi accoglie sono le persone non gli alberghi, e i ricordi più belli dei viaggi sono sempre frutto di incontri e di relazioni con le persone o con le loro testimonianze. Ma anche la decisione della meta di un viaggio è determinata dalle persone, dagli amici che ne parlano, dai consigli e dalle “recensioni”.

sabato 6 dicembre 2014

Italia prima meta estera


Italia, prima nella classifica sulla soddisfazione dei turisti cinesi in vacanza all'estero
Chinese citizens’ Tourists Satisfaction Index was 76.98 in Q3 according to China Tourism Academy , which was in a basic satisfaction level (relatively low). The top 3 countries among 24 sample countries with the highest satisfaction were Italy, Singapore and the U.S..
Italy, among all sample countries surveyed, ranked the highest according to the Tourists Satisfaction Index:
Read more: http://www.chinainternetwatch.com/9948/italy-became-the-most-popular-outbound-destination-travelers/#ixzz3L6PpfNQj