venerdì 23 settembre 2011

Una aggregazione di scopo per promuovere l'Italia in Cina

«In Cina non avete le strade, dove pensate di mettere le auto?». Era il 1982 e fu questa la risposta dei vertici di Fiat ai cinesi che proponevano una joint venture per portare le auto di Torino a Pechino. Trent'anni dopo l'85% del mercato cinese è occupato da marchi stranieri. Fiat è così arrivata tardi, ha sbagliato le alleanze e ora punta ad un misero 2%". (Linkiesta.it)
Credo che le analogie con il turismo siano evidenti a tutti. Sinora abbiamo snobbato il mercato cinese o lo abbiamo affrontato esattamente come affrontiamo un qualsiasi altro mercato (fiere, pubblicità, promozioni...).
Siamo ancora in tempo però, per evitare lo Scenario "Fiat". Basterebbe che qualche Regione e qualche soggetto privato illuminato, facessero squadra, dessero vita cioè ad una aggregazione di scopo, e si dessero una strategia degna di questo nome.
Le opportunità per il turismo italiano non mancano davvero!

Nessun commento:

Posta un commento