venerdì 23 dicembre 2011

La Cina non è più un paese a maggioranza agricolo

I cliché sulla Cina invecchiano in fretta. La Cina ufficialmente non è più un Paese in maggioranza agricolo. Secondo uno studio dell'Accademia delle Scienze sociali cinese, del quale scrive Francesco Sisci (Il Sole 24 Ore http://24o.it/cfFIy) per la prima volta nella storia la maggior parte della popolazione vive in città. Oltre 700 milioni di persone sono inurbate mentre circa 600 milioni abitano ancora nelle zone rurali.
Le conseguenze di questa svolta storica sono enormi, e non necessariamente tutte positive, ma le conseguenze sul versante dei viaggi, delle vacanze e del turismo sono evidenti.

Nessun commento:

Posta un commento