giovedì 26 gennaio 2012

Turisti cinesi in Italia: ancora troppo pochi

 

Anche il nuovo Ministro del Turismo sembra dimostrare interesse per il mercato cinese.  Per ora ecco le sue parole: nel 2010 i turisti cinesi all'estero sono stati 54 milioni di persone, per un giro di affari di 40 miliardi di euro e si stima che stima che nel 2015 potrebbero diventare 130 milioni, con un giro d'affari di 110 miliardi di euro. "La nostra quota su questi flussi nel 2010 - ha detto però il ministro - è stata minima, certamente non all'altezza della reputazione turistica del nostro Paese".
"I cinesi, arrivano agli aeroporti di Francoforte, Parigi e Londra e portarli poi in Italia non è facile. Se non facciamo subito qualcosa sarà sempre più difficile, perché tour operator, agenzie di viaggi e alberghi all'estero prenderanno nel frattempo accordi". D'altra parte, ha osservato il ministro, "andare in Cina per pubblicizzare le singole Regioni vuol dire buttare via i soldi. Le Regioni devono lavorare tutte insieme e l'Enit deve essere il braccio operativo della promozione dell'Italia all'estero".
(cfr. Travelnostop)

Nessun commento:

Posta un commento