sabato 21 aprile 2012

La Cina cambia in fretta



Ecco alcune news per seguire quanto accade in Cina in questi giorni:
Cominciamo con il tema vino. "La conoscenza del vino italiano è limitata a delle enclave nelle citta' piu' sviluppate, che pero' rappresentano una minima parte della Cina. Nella stragrande maggioranza del Paese la conoscenza del vino e della gastronomia italiana e' molto bassa, e il vino italiano e' in difficolta', i nostri prodotti "entry level", vini che franco cantina costano 3-4 euro e in Cina si possono trovare a oltre 100 euro, per questo e non hanno appeal. E allo stesso tempo non sono percepiti come vini di lusso". Riflessione interessante direi (tratta da AGI Cina 18 aprile). 

Ed ora cambiamo argomento.  Qualche giorno fa ho scritto di Starbucks la catena di caffetterie più grande al mondo, ispirata all'Italia e ad uno stile di vita occidentale, ed ecco allora un  aggiornamento: si prevede che entro il 2014 tale paese supererà il Canada come secondo mercato più grande per questa compagnia, divenendo probabilmente rivale degli Stati Uniti come mercato numero uno. "La Cina è l'opportunità più grande per  Starbucks . E' qui che vogliamo investire, è qui che vogliamo crescere" ha detto  il Chief executive Howard Schultz in un forum a Beijing. (notizia completa qui: http://paper.li/Associna/1307065127#!tag-cina)

Un articolo di Giovanni Belelli segnala che la Cina è diventata leader mondiale dei computer. Nel 2012 le vendite dovrebbero essere pari a circa 83 milioni di computer facendo della Cina il secondo mercato dopo gli USA. Ma la Cina è anche grande consumatrice di pc visto che attualmente detiene il 22% del mercato.
Anche questi dati sono interessanti soprattutto se letti alla luce di un'altra notizia secondo la quale il 24% dei contenuti wul web è in cinese. (http://www.techinasia.com/dominant-languages-on-internet-english-chinese/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+PennOlson+%28Tech+in+Asia%29)

Infine, leggo in un tweet di Metropoli d'Asia che nella classifica 100 most influential del TIME esce Han Han, entra Chen Lihua 

Nessun commento:

Posta un commento