lunedì 14 gennaio 2013

La Cina che corre. Un invito a capire cosa fare per il turismo italiano




1. La Cina si conferma come il più grande mercato del mondo, in uscita per i viaggi internazionali all'estero. I dati del Tourism China Research Institute stimano che quasi 70 milioni di turisti cinesi abbiano viaggiato all'estero nel 2011 (+20 per cento rispetto al 2010). Nel 2012, il numero dei cinesi all’estero dovrebbe essere di 78 milioni (il che significherebbe un nuovo record di 80, forse 85 miliardi dollari spesi). Secondo altre fonti il dato del turismo cinese outbound nel 2012 arriverebbe a 82 milioni (come riportato in questo Blog).
2. Gli arrivi cinesi in Veneto da gennaio a settembre 2012 hanno segnato +17,1%. Bene, ma si può certo fare di più.
3. Sarebbero due milioni i turisti cinesi condizionati nelle loro scelte di vacanza dalla visione di un film ambientato in una meta turistica. Più di qualche destinazione nostra concorrente ha puntato su questo.
4. Nel 2015 saranno 800 milioni gli internauti cinesi. La stima è di una fonte governativa cinese.
A proposito dei Social Network cinesi: nel 1° minuto del 2013, “Buon anno” (xinnian kuaile) su Sina Weibo, è stato postato 729,571 volte.
5. Infine i consumatori cinesi di beni di lusso avrebbero superato quelli americani. A livello mondiale un quinto dei beni di lusso è oggi acquistato da cinesi.
Cosa tutto questo significhi per noi, per il turismo italiano lo vedremo nel seminario (gratuito) di Amalfi del 23 e 24 gennaio, al quale vi invito.

P.S. Il 5% dei siti alberghieri americani offre una traduzione in cinese

Nessun commento:

Posta un commento