domenica 3 febbraio 2013

QUEL SILENZIO? NO, NON Ѐ RIPRODUCIBILE 别的地方没有的寂静

Pubblico volentieri una bella testimonianza di Valentina Ficosecco al suo rientro dalla Cina:

"Il silenzio. 寂静. L’aereo atterra. Fiumicino, prima. Falconara, poi. Il solito ritardo. C’è silenzio. Non un silenzio qualsiasi, ma quel silenzio. Quel silenzio che non è assenza, non è mancanza, non è abbandono. È ordine, armonia, distensione. 和谐. Realizzo istantaneamente, Shanghai è lontana. Lontano il flusso incessante di rumori. Lontano il caotico disordine. Lontana l’isteria collettiva della marea umana. Sono le mie colline e quel silenzio, in passato troppo spesso ignorato, rimbomba ora tra i miei sensi. Non mi ero mai accorta di quanto fosse sofisticata la singolare eleganza di quel silenzio, di quanto fosse vita. 雅致. 活着. Essenziale e rigenerante dopo un intero anno scandito dal ritmo frenetico di una metropoli. È opera di questa natura, di questo tipo di natura, nient’affatto selvaggia. 大自然. Lavorata e rifinita nei minimi dettagli. 细节. Ora comprendo, bisogna assaporare il contrasto, sperimentare gli antipodi, per scoprire davvero la preziosità del conosciuto usuale. Sono questi campi coltivati da agricoltori artisti, scultori del paesaggio, ad esserne l’irripetibile rarità. 稀有.
Ricordo un’estate. 记住. Io al volante, la mia amica cinese con lo sguardo incollato al finestrino. Un tripudio di girasoli ad infiammare il terreno. 葵花.  Inquadratura agreste. Istantanea campestre. Ne era sedotta, ammaliata, rapita. 吸引. Ora è chiaro. Fuori dal delirio urbano, in Cina, la campagna sfiora solo lontanamente il nostro concetto occidentale di civilizzazione. In alcuni tratti, devo ammetterlo, conquista fascino e avvenenza, ma non geometria. Un’estetica paesaggistica più sentimentale e languida. Ad allettare il suo sguardo invece, quel giorno, una proporzionata e armonica simmetria, un equilibrio scenografico perfettamente dipinto, senza alcun ritocco. Incastonato su terra. Osservava lo slancio, l’impeto, lo sfavillio. 闪光. Le colline sembravano animarsi, con energia, passione. 激情. Alle calcagna del sole. Girasoli in ogni dove. Tutto intorno, luce. 阳光.
Shanghai 上海, Pechino 北京, Hong Kong 香港, Qingdao 青岛, Suzhou 苏州, Hangzhou 杭州, Tianjin 天津, Wuzhen 乌镇, Datong 大同. Uno sviluppo economico oggi credibile, ieri, inconcepibile. Si ha la sensazione di toccarlo con mano. Così corporeo, palpabile, tangibile, materiale, reale. 真实. È incollato agli abiti di marca che, incuranti, sfrecciano in città. È appeso ai sorrisi compiaciuti di imprenditori e giovani laureati. Gli uni appagati, gli altri fiduciosi. È agganciato alle auto di lusso che, come insetti distratti, attorniano tronchi di grattacieli disumani. Ciclopici. 巨大. È affisso in aria, tra smog e foschia. Sospeso. Semplicemente, sospeso. Postura eretta. Senso verticale. 竖的.  
Un agriturismo biologico. Belforte del Chienti. Quel silenzio, di nuovo. 还寂静无声. Ci sono atmosfere uniche in loco. La moda copiabile. Lo stile di vita imitabile. Auto, mobili, abitazioni, ricostruibili. I libri ristampabili. Il bagaglio culturale trasmissibile. Il patrimonio ereditabile. L’arte culinaria, il vocabolario linguistico apprendibile. Il nostro silenzio, il silenzio delle colline. Autoctono. 本地. Inedito. Intimo. Esclusivo. Peculiare. 独特. Atipico. Privato. Pregiato. Stravagante. 怪异. Originale. Inverosimile. Inconsueto. Imperturbabile. Inviolabile. Udibile. 可听到的. Quel silenzio. Quel silenzio no, va detto, non è riproducibile.
(La maggior parte dei cinesi identifica l’Italia con poche città simbolo quali Roma, Milano, Venezia, Firenze. Alcuni conoscono anche Bologna, Napoli, Torino. Pochi Bari, Palermo, Ancona, Trento. Rarissimi sono ancora coloro che hanno visitato le zone rurali. Rarissimi, ancora, coloro che hanno udito quel silenzio.) "
valentinaficosecco@alice.it

Nessun commento:

Posta un commento