giovedì 7 marzo 2013

Han Han, una tesi sullo scrittore più seguito sulla rete in Cina


Dopo aver letto la tesi di Laurea di Annapaola Mazzoccoli avevo pensato di recensirla brevemente per questo blog, ma purtroppo gli impegni mi hanno costretto a rimandare più volte, così per tenere parzialmente fede a quanto avevo scritto all'autrice (dopo aver scovato la sua tesi sul web) riprendo qualche riga qua e là dal suo lavoro, con la speranza di stimolare in voi la curiosità sia sulla brava dottoressa Mazzoccoli, che su Han Han (chi segue il mio blog sa bene che sono davvero molto interessato a questo personaggio, per molti versi "volto della nuova Cina").
Eccoci allora al testo ripreso liberamente dalla tesi:
Han Han è una delle figure letterarie cinesi più discusse negli ultimi anni dalla stampa cinese ed internazionale. Oggi in Cina è considerato uno dei più importanti scrittori cinesi grazie al successo del suo romanzo d’esordio, Le tre porte, pubblicato nel maggio del 2000. Una satira caustica e realistica della scuola e dell'autorità. Nel 2005, dopo il successo riscosso con il suo romanzo, Han Han ha aperto il suo blog personale sul portale Sina.com 4 . In pochi anni è diventato l’idolo e il portavoce della nuova generazione, ed è scoppiato quello che la stampa cinese ha soprannominato Han Han re 韩寒热 ( Han Han fever) . La Cina raccontata da Han, è quella della generazione nata dopo le riforme di apertura di Deng Xiaoping e a cui nessuno ha raccontato cosa è accaduto realmente durante la Rivoluzione Culturale e  nell’incidente di piazza Tian’an men 天安门. 

Nella carriera professionale diHan Han, è possibile individuare tre fasi 11.  La prima fase, è quella degli albori, in cui si presenta come uno 神童 shen tong (bambino prodigio), un piccolo genio ribelle. Viene bocciato due volte consecutive ed è costretto a ritirarsi da scuola, nonostante questo, nel 1999 vince la prima edizione del concorso letterario Xin Gainian 新概念 (New concept). A soli diciasette anni pubblica il romanzo Sanchongmen三重门Le tre porte, con oltre due milioni di copie vendute. Il titolo del romanzo, Le tre porte ha un significato allegorico, rappresenta sia le tre anticamere da valicare per accedere al mondo del lavoro, che i tre vincoli imposti dalla società cinese. Attraverso la storia di Yuxiang, Han descrive il disagio della sua generazione, soffocata dalle aspettative dei genitori e di una società spietatamente competitiva, in particolare nel campo dell’educazione. 

Dopo aver riscosso  i primi successi letterari, ben presto viene attratto dallo star system mediatico. Dal 2003, infatti decide di dedicarsi oltre che alla sua vocazione letteraria, alla passione che aveva sempre avuto sin da piccolo per il rally, iniziando la carriera di pilota. Nel 2009 partecipa ai campionati mondiali di rally in Australia, in un paio di categorie vince il titolo di campione nazionale.  Ed è così che ha inizio la seconda fase per il giovane scrittore, nel giro di un paio d’anni, dal 2005 (anno di apertura del suo blog su Sina.com) diventa una vera e propria star. Da produttore discografico, diventa attore, testimonial di pubblicità, iniziano le prime apparizioni tv, la nascita dei primi fan club, e la presenza massiccia su copertine patinate, come quella dell’edizione cinese della rivista Esquire 13 in cui è rappresentato come direttore d’orchestra.  Nel 2010 diventa persino attore, interpretando il ruolo di se stesso, nell’ultimo film di Jia Zhangke “I Wish I knew”. Nello stesso anno il Time lo nomina una delle cento persone più influenti del mondo.
Ben presto il giovane Han è diventato l’emblema del nuovo “mercato con caratteristiche cinesi”, dove il soggettivismo e l’individualismo sono i nuovi valori maggiormente condivisi.

Stralci molto liberamente di presi dalla bella tesi di Laurea di Annapaola Mazzoccoli 
" I linguaggi di Han Han: traduzione e analisi del suo stile in alcune tipologie testuali" 
Università Ca' Foscari, Anno Accademico 2011 2012

Se volete contattare l'autrice la trovate su Linkedin 

1 commento:

  1. A distanza di anni rinnovo il mio più sentito ringraziamento per questa bella recensione!

    RispondiElimina