lunedì 5 agosto 2013

Martino Martini "De bello Tartarico"


Martino Martini (Trento 1614 – Hangzhou 1661): gesuita, storico, geografo e cartografo tridentino.
L'opera che lo rese famoso in tutta Europa fu il De bello tartarico historia, pubblicato ad Anversa nel 1654, un reportage in presa diretta della caduta dell'impero Ming: Martini descrisse la conquista del Celeste impero per mano dei mancesi, e il successivo avvento della dinastia Qing, integrando i documenti ufficiali cinesi con i propri ricordi. Aveva infatti partecipato in prima persona agli eventi. L'opera fu di successo; ne furono stampate quattro edizioni nel primo anno, seguite dalla traduzione nelle principali lingue europee, e poi numerose ristampe.
Al gesuita tridentino si deve, inoltre, la compilazione della prima grammatica di lingua cinese per studiosi occidentali, la Grammatica Sinica. Il testo, tuttavia, non poté essere stampato per la mancanza di un sistema di riproduzione dei caratteri cinesi; una versione basata sulla copia del manoscritto ritenuta più autorevole, è contenuta nel secondo volume dell'Opera Omnia. "E' proprio nel volume dell'Opera Omnia che si comunica al mondo la scoperta che la Grammatica Linguae Sinensis di Martini fu la prima a essere stampata e pubblicata nel 1696", riferisce ad AgiChina24 Luisa Paternicò. Martini è anche autore della prima storia della Cina antica, dalle origini mitologiche alla nascita di Cristo, pubblicata in una lingua occidentale: la Sinicae Historiae Decas Prima.

Se volete leggere il testo integrale di questo articolo andate qui:
http://www.agichina24.it/ipse-dixit

Nessun commento:

Posta un commento