venerdì 22 novembre 2013

Anche il MART diventa "chinese friendly"


欢迎光临” significa “Benvenuti” in cinese. Si dice “Huanying Guanglin” e lo si può trovare scritto nella pagina web www.mart.tn.it/huanying sul sito del Mart – che offre informazioni sulle mostre, sul patrimonio e sul territorio.
Ma chi arriva fino a Rovereto dalla Cina se lo si potrà sentir dire anche dal personale di biglietteria del Mart. Una buona segnaletica in cinese lo aiuterà a orientarsi tra le sale.
Se poi dopo la visita si vuole mangiare, la caffetteria del Mart oltre alla cucina italiana garantisce gli essenziali della cucina cinese, tra cui riso e tè di qualità.
Per condividere contenuti, prenotare un treno o scoprire cos’altro c’è in Trentino, è a disposizione la rete wifi libera del Mart.

Grazie a tutti questi servizi, il Mart diventa il primo museo italiano amico della Cina – o “Chinese Friendly” come recita il logo dell’associazione (www.chinesefriendlyitaly.com) che lo consegnerà al museo il martedì 3 dicembre 2013, durante una cerimonia in programma per le ore 15.00, a cui sono invitati gli operatori turistici e la comunità cinese del Trentino Alto-Adige.

Un investimento in comunicazione e servizi al pubblico accompagnato da azioni di marketing per stringere accordi con agenzie di viaggio e operatori turistici. L’obiettivo, per il Mart, è quello di intercettare e fidelizzare una quota di turisti in arrivo dalla Cina nei prossimi anni. Viaggiatori giovani, informati, connessi e consapevoli delle peculiarità storiche e culturali del Bel Paese. Per questo pubblico, in crescita a ritmi vertiginosi, il Mart da oggi offre un occhio di riguardo.


MartRovereto
Corso Bettini, 43
38068 Rovereto (TN)
T. 800 397760
info@mart.trento.it

1 commento:

  1. Grazie Mart e grazie Chinese friendly!!
    15 anni fa ho accompagnato molti cinesi in molti tour in giro per l’europa e quando arrivavo in Francia o in Svizzera trovavo mappe della città tradotte in cinese, segnaletica cinese ai musei, depliants di siti da visitare già tradotti e stampati da consegnare ai cinesi (bateaux mouches a parigi, monte Pilatus a Lucerna, etc etc). Ho sempre desiderato che questo avvenisse anche in Italia per diventare pure noi meta preferita dei turisti cinesi e per potermi “riposare” un po’ …molto meglio per un accompagnatore far sì che i propri turisti siano in grado di muoversi autonomamente anziché doverli seguire in ogni minimo spostamento!
    Sono sicura che i turisti cinesi, sempre alla circa di luoghi autentici, sapranno apprezzare questa friendly accoglienza!
    Cristina Girardi

    RispondiElimina