lunedì 9 giugno 2014

I seminari "Chinese Friendly Italy"


Cosa sono i seminare Chinese Friendly Italy? Vale la pena partecipare ai nostri incontri?
Riprendo quanto Giacomo Bufalini, manager dell'Hotel Orto de' Medici di Firenze ha postato sul suo profilo facebook:
"Ringrazio Giancarlo Carniani (Carniani è Presidente di BTO, manager di diversi alberghi e in particolare dell'hotel Villa Olmi Resort, presso il quale il 5 giugno abbiamo tenuto un nostro seminario, ndr) per avermi fatto finalmente assistere ad una presentazione concreta ed interessante sulle tematiche relative alle potenzialità del mercato Cinese. Sarò il solito inguaribile ottimista (credo di più alle parole di Renzi che agli sproloqui di Grillo nonostante le squallide vicende degli ultimi giorni), ma mi sono bastate tre ore per mettere da parte le numerose occasioni sprecate ad ascoltare relatori capaci solo di snocciolare dati per dire poi in fondo che i cinesi sono tanti e di conseguenza prima o poi arriveranno. In tre ore ho capito che le differenze culturali che ci distinguono sono la vera barriera, il limite che inconsapevolmente abbiamo creato. Mi hanno convinto che vale la pena di tentare un approccio diverso, che si avvicini di più alle loro abitudini, ai loro modi di fare, al loro carattere con la convinzione che i risultati saranno concreti. Assecondare una cultura, non soddisfare solo esigenze è la chiave per attivare una "rete" che consenta di penetrare un mondo completamente chiuso all'Occidente. I cinesi non possono usare Facebbok, Google, Twitter, Tripadvisor, ma hanno dei surrogati potentissimi. Chi per primo entra lì dentro ha fatto bingo! Da solo però non riesci, anche perchè semplificato o meno che sia, devi scrivere in cinese. Noi però possiamo cominciare ad accoglierli in maniera diversa preparando la strada per permettere a chi ne ha i mezzi di sfondare tutte le barriere e riuscire finalmente ad instaurare un rapporto diretto con una popolazione che pare ci tenga molto in considerazione. Ho capito ce se Maometto non va alla montagna, saremo noi singoli operatori che cominceremo a muoverci verso di lui; ho capito che in un mondo virale come il nostro abbiamo fino ad ora escluso una delle popolazioni più social; ho capito che se riesci ad entrare nella loro rete cominci a farti conoscere. Si esatto !! Non ci conoscono per niente, ma non vedono l'ora di farlo !!

Nessun commento:

Posta un commento