mercoledì 1 ottobre 2014

Non è sempre facile occuparsi di Cina in Italia


Non è sempre facile occuparsi di Cina in Italia. Secondo l'indagine che incollo di seguito il nostro è un Paese per il 70% sinofobo. Occupandomi di accoglienza (turistica) ne so qualcosa anche io. In ogni caso se dove abitate voi non c'è turismo in questo periodo, è anche per via di questi pregiudizi, perchè in Cina (1° Paese al mondo emettitore di turismo internazionale) in questo periodo sono tutti in ferie! e molti sono andati in vacanza all'estero, soprattutto dove si sentono bene accolti!
Roma, 16 set. (TMNews) – Siamo il paese di Marco Polo e Matteo Ricci, con una consolidata storia di rapporti con la Cina. Ma siamo anche uno di quelli in cui l’opinione su Pechino è la più negativa. A rivelarlo è uno studio dell’istituto americano Pew Research, secondo il quale l’Italia viene solo dopo Giappone e Vietnam – paesi che hanno pesanti conflitti territoriali con la Repubblica popolare – tra i quelli che vedono peggio la Cina.
Lo studio è stato diffuso nel mese di settembre, ma si basa su sondaggi realizzati nella primavera di quest’anno. Secondo i dati, il 91 per cento dei giapponesi ha un’idea sfavorevole della Cina. In Vietnam è il 78 per cento a pensare peste e corna di Pechino. Entrambi i paesi asiatici hanno registrato negli ultimi anni un crescendo nelle reciproche polemiche con la Cina a causa di conflitti territoriali. Non sorprende la loro sinofobia.
Diverso il caso dell’Italia, che viene subito dopo con il 70 per cento che ha parere negativo e viene prima della Turchia (68 per cento), della Germania (64 per cento). L’Italia non ha con la Cina alcun conflitto territoriale, quindi questi livelli di sinofobia hanno altre ragioni.

Nessun commento:

Posta un commento