lunedì 4 maggio 2015

Beni di lusso acquistati all'estero: nuovi scenari


Riprendo dal Sole 24 Ore: "Adesso che ha prevalso la linea dei consumi su quella del rigore, si dovrà capire quali saranno i settori più favoriti dall’annunciato taglio delle tariffe all’import varate dallo State Council cinese. Beni di lusso, abbigliamento e accessori, prodotti alimentari di qualità, in testa il vino d’importazione, beni di consumo prodotti all’estero entro la fine del mese di luglio potranno contare su una serie di tagli consistenti destinati a alimentare i consumi interni, ma anche a frenare il flusso di spesa in uscita dei turisti cinesi. (...) Inoltre, secondo un recente rapporto Hsbc, i turisti cinesi stanno comprando circa il 40% dei beni di lusso venduti in Francia e rappresentano il 35% di queste vendite in Italia e il 25% in Gran Bretagna. 

Nessun commento:

Posta un commento