giovedì 28 maggio 2015

Niente più visti ai turisti cinesi


1.   Una procedure semplice per la richiesta dei visti turistici è il primo gesto di accoglienza di un Paese che crede nel turismo come fattore trainante dell’economia, e che crede nella cultura dell’accoglienza e dell’ospitalità.
2.   Tutte le ricerche coinfermano che la facilità di ottenimento del visto è uno dei fattori che più condizionano le scelte di viaggio dei turisti cinesi.
3.   Storicamente le procedure per l’ottenimento dei visti del nostro Paese hanno scoraggiato i turisti cinesi (un vero paradosso se si pensa a quanto contemporaneamente si è speso in promozione per convincerli a venire).
4.   Certo oggi la situazione non è quella di qualche anno fa, di miglioramenti ce ne sono stati, e la burocrazia italiana in Cina si è fatta meno asfissiante e sgradevole,
5.   Resta il fatto che in 6 mesi gli Usa processano tre volte il numero dei visti che le nostre Istituzioni “concedono” in un anno,
6.   Sempre gli Usa (e il Giappone) hanno aumentato il periodo di validità dei visti, e hanno procedure davvero snelle per farli ottenere in tempi rapidi,
7.   Proprio grazie a questa scelta gli Usa, che ora accolgono in un anno 1milione e 700mila arrivi dalla Cina, puntano ad averne 7 milioni nel 2021,
8.   Se vogliamo toglerci di dosso l’immagine di un Paese dalle procedure non-accoglienti dobbiamo fare qualcosa di importante, annunci a parte.
9.   La mia proposta è di togliere i visti ai turisti cinesi.
10.                 So che la questione è parecchio ingarbugliata, non riguarda solo il Ministero del turismo e non riguarda solo il nostro Paese, ma tocca a noi lanciarla e realizzarla, ora, in occasione di EXPO. Tocca a noi perché i cinesi e il mondo tornino a vederci come un paese leader nell’ospitalità; tocca a noi perché abbiamo assoluta necessità di aumentare gli arrivi dal primo mercato turistico al mondo, perché questo significa indotto economico e occasioni di lavoro. Tocca a noi perché altri paesi lo hanno già fatto. Tocca a noi anche perché – senza regia - non siamo mai riusciti a fare in Cina una campagna promozionale davvero efficace.


Nessun commento:

Posta un commento