martedì 24 maggio 2016

La Cina sorpassa il colosso occidentale Airbnb con il nuovo website Tujia.com



La Cina ha provato molte volte a copiare il colosso per la prenotazione delle case-vacanza Airbnb, e alla fine ce l’ha fatta: il vincitore è Tujia.com. Si tratta infatti del più grande website per l’affitto di case in Cina. Fondato nel 2011, in poco più di cinque anni è riuscito ad ottenere una valutazione sul mercato di più di 1 miliardo di UDS. 
Secondo Melissa Yang,  co-fondatrice e chief-technology di Tujia.com, l’idea di base è totalmente diversa da Airbnb, poiché il website cinese è più vicino alle esigenze dei cinesi e sa come accoglierli: pietanze cinesi in ogni destinazione e tipologia di casa. Secondo Yang, i cinesi non si fidano di agenzie intermediarie o agenzie turistiche, così la nuova versione cinese di Airbnb si preoccupa di ridare valore alle migliaia di case ed edifici ad uso abitativo abbandonati in Cina, le cosiddette “città fantasma”. Il motivo di queste case inutilizzate risiede in diverse spiegazioni.
Il primo è legato all’inspiegabile crescita del settore immobiliare in Cina, situazione ancora più strana se poi questi interi agglomerati abitativi cinesi siano vuoti; l’altro motivo risiede nel fatto che il settore immobiliare pur rappresentando il 13% del PIL cinese, non si preoccupa della vendita  delle abitazioni ma solo della loro costruzione. In tal modo, se la società immobiliare che investe in queste abitazioni, molte volte straniera, riesca poi a vendere o meno, poco importa, poiché in ogni caso verranno ricevute sovvenzioni statali. Questo fenomeno contribuisce in tal modo ad ingigantire la bolla speculativa che rischia di intaccare anche le economie occidentali. 

Il fenomeno cinese meriterebbe maggiore attenzione, soprattutto in quanto impone trovare risposta ad alcuni quesiti come: “ il nuovo business di rental-house avviato da Tujia.com sarà in grado di animare le “città fantasma” cinesi? E quanto il website di Tujia.com si discosta dall’idea di fondo di Airbnb?
Per ulteriori approfondimenti si rimanda alla lettura dell’articolo: http://www.chinatravelnews.com/article/103504

Rielaborazione articolo di: Flavia Vassallucci flaviavassallucci@libero.it
Fonte foto: GDA

Nessun commento:

Posta un commento