giovedì 30 giugno 2016

Cineturismo: Only You una finestra sull'Italia


 Only you” un film del 2015 diretto da Zhang Hao con Tang Wei e Liao Fan, riprende la trama del film Hollywoodiano del 1994 con Marisa Tomei e Robert Downey Jr. La storia è la stessa, i protagonisti e le città italiane cambiano. Il film narra di una donna in procinto di sposarsi che prima di compiere il grande passo, per una pura coincidenza riceve una telefonata da un vecchio amico del futuro marito e scopre che il nome dell’interlocutore era esattamente quello che una veggente a 14 anni le aveva annunciato come essere il vero amore. Il film dal retroscena italiano, si basa quindi tutto sul destino e il cosiddetto colpo di fulmine; tuttavia mentre l’originale punta più sulla trama che sui paesaggi, la versione cinese di certo più sdolcinata nelle battute, mette in luce gli itinerari italiani da sfondo alla ricerca del vero amore. Dopo la visione dei due film, quello del 1994 e quello cinese, le differenze nella scenografia risultano evidenti: il primo ci porta a Venezia, Roma e Positano, la versione di Zhang Hao, invece parte de Milano per poi arrivare a Firenze e zone limitrofe. La versione cinese ironizza sull’Italia, andando dall’immaginario occidentale che i cinesi sembrano tutti uguali ad un’Italia super tifosa del pallone, fino alla gestualità nel parlare, tipica italiana, del protagonista cinese da cinque anni in Italia. Nel film si parla di Puccini e dei grandi Italiani, come a denotare che i cinesi conoscono tutto su di noi, e noi? Il film delle regista cinese sembra essere più un itinerario di viaggio, infatti ad ogni scena girata in posti diversi viene evidenziato第一天: 米兰 (giorno primo: Milano) e così via. Inoltre a differenza della versione originale, in quella cinese la protagonista si preoccupa del visto prima di intraprendere il viaggio verso l’Italia, elemento essenziale per i turisti cinesi che vogliono viaggiare verso l’Europa. Le città, i ristoranti, le piazze e gli alberghi italiani sono quindi in primo piano e le battute, alcune volte uguali ed altre volte ricche di famosi detti cinesi, contornano il tour italiano promosso dal film. “Only you” è un viaggio per l’Italia o un viaggio verso l’immaginario cinese sull’Italia?
Buona visione: Only you 2015
Flavia Vassallucci

Nessun commento:

Posta un commento