lunedì 3 aprile 2017

Matteo Ripa missionario, artista e viaggiatore in Cina



Quello del 30 marzo a Eboli è stato davvero un bell'incontro! Abbiamo parlato di passato e di futuro, non solo di Cina e di turismo, ma anche di ospitalità diffusa (appena nata ad Eboli), e di accoglienza ai turisti cinesi. 
Matteo Ripa è stato davvero un gigante! Ha lasciato un segno, e ha gettato semi in Italia, in Cina e in Europa. Ripa non è stato solo il fondatore del Collegio dei cinesi a Napoli (divenuto poi Università Orientale), è anche stato artista apprezzato alla corte dell'Impero cinese, divulgatore in Europa della cultura dei giardini cinesi. E su quanto grande sia stata la sua influenza anche nei secoli successivi, interessantissimo a questo proposito lo studio fatto da Le Corbusier (prima immagine in basso) sui disegni, di Matteo Ripa (seconda immagine in basso a destra), della residenza estiva dell'Imperatore Kangxi, di Jehol.



Complimenti agli organizzatori, agli esperti, ai bravissimi Vincenzo Paudice e Michele Fatica, e agli appassionati di Eboli che vogliono riscoprirlo e fargli attribuire il valore che merita. (weboli.it)
Complimenti all'Amm.ne Comunale per il coraggio e l'impegno nel cercare di valorizzare anche dal punto di vista turistico la figura di Matteo Ripa. 
L'Italia è un paese ricco di grandi personaggi, ma per molti di loro lo sforzo resta confinato nelle cerchie degli addetti ai lavori, o degli esperti di storia locale. Naturalmente tutto questo è importante e direi anche bello, ma è venuto il momento, per alcuni di questi "Geni", di non limitarci a organizzare convegni o pubblicazioni specialistiche, ma di tentare di farne anche degli attrattori, ridando loro l'attualità che meritano. 
E' questa la proposta che ho lanciato ad Eboli e che spero possa diventare progetto ed essere raccolta.
Infine un appello agli studenti che seguono questo Blog: perché non fate di "Matteo Ripa" e del contributo che la sua riscoperta potrebbe dare al turismo, materia per la vostra tesi di laurea?



Nessun commento:

Posta un commento