mercoledì 3 gennaio 2018

Pechino toglie i visti ai turisti internazionali. E noi?



1. I turisti cinesi possono andare in vacanza in 60 paesi esteri senza visto. 
L'Italia purtroppo non è in quell'elenco, e a quanto pare non ha nessuna voglia di entrarci.
La questione, tutta politica, non è senza conseguenze.
Se seguite questo Blog sapete già che ogni Paese che ha tolto il visto ai cinesi ha visto immediatamente sviluppare gli arrivi dalla Cina, come nessuna campagna di marketing o di comunicazione avrebbe potuto fare!

2. Vorrei dire che la mia proposta di togliere il visto ai turisti cinesi, come incentivo a venire in vacanza in Italia, e soprattutto come gesto di accoglienza, è in attesa di essere discussa. 
E invece no! A Roma non l'hanno neppure presa in esame. E’ l’ennesima dimostrazione che in Italia il turismo non ha una regia, né una strategia, e nemmeno un “pensiero”. 
Intanto i soggiorni senza visto per i turisti internazionali li offre Pechino: "Beijing looks to attract more international travelers by extending visa-free entry for people transiting through the city to a full six days. International visitors can now apply for a 144-hour visa-free stay in Beijing that covers the neighboring city of Tianjin and parts of Hebei Province".
https://www.thebeijinger.com/blog/2018/01/03/beijing-now-offers-6-day-visa-free-stays-international-tourists

3. Naturalmente conosciamo bene le obiezioni dei burocrati alla questione "visti": "l'Italia è vincolata agli accordi europei". Ma in questo caso la decisione "tutta politica" sarebbe di riprendere la leadership (del turismo) che ci compete, almeno in Europa, e in tal modo difendere i nostri interessi, e la nostra economia. Esattamente come fanno gli altri paesi europei per i temi che li interessano più da vicino.

 Qui altri articoli sul tema dei visti ai cinesi

  

Nessun commento:

Posta un commento