domenica 16 settembre 2018

Il turismo cinese Outbound. Una nuova Tesi di Laurea



Vi segnalo la bella tesi di Alessia Amadei Colla, che ha come titolo “Il turismo cinese Outbound. Quali opportunità per l’Italia” (Università di Bologna, Scuola di Lingue e Letterature, AA 2017/2018).
Tra i temi affrontati c’è il caso Alessandria-Monferrato. “La provincia di Alessandria – si legge nella Tesi - dimostra ormai da qualche anno un particolare interesse per il turismo cinese, e la promozione del suo territorio è resa possibile soprattutto grazie alla spinta e alla collaborazione con l’ente turistico ATL Alexala, che insieme ad altri operatori del territorio è membro del network Chinese Friendly Italy”.
Nella Tesi si presentano i risultati di una ricerca fatta interpellando gli operatori del territorio, allo scopo di “
capire l’efficacia delle strategie adottate e di analizzare che tipo di turisti scelgono di recarsi in viaggio in questa provincia. 
Le risposte fornite confermano alcune delle caratteristiche descritte nei capitoli precedenti e identificano un turista sempre più globalizzato, giovane e adattabile alle altre culture, anche se le piccole attenzioni alle loro abitudini sono sempre gradite. Anzitutto bisogna capire perché l’ente ATL Alexala ha deciso di puntare su questo mercato, la risposta è ovviamente legata sia alla numerosità dei turisti cinesi in viaggio, sia alla loro spesa media, che come si è visto è molto alta; una motivazione aggiuntiva è connessa all’ipotesi di poter essere tra le prime destinazioni “esclusive”, fatto che potrebbe dare un vantaggio competitivo alla provincia. 
I turisti cinesi interessati alla provincia di Alessandria – Monferrato sono principalmente coppie, viaggiatori singoli oppure piccoli gruppi, il periodo preferito per recarsi in questi luoghi è l’estate e la sistemazione prescelta è ovviamente l’hotel. Sono sempre più interessati alle proposte culturali che il territorio può offrire, ma lo shopping, soprattutto del Made in Italy, continua ad essere l’attività preferita. Il consiglio diretto da parte di un’agenzia di viaggi o di un T.O è la motivazione principale che li spinge ad andare oltre le mete classiche dei tour organizzati. Gli aspetti critici nell’accoglienza del turista cinese riscontrati sono legati in particolar modo alle modalità relazionali, che sono le più difficili da capire e mettere in atto. Per questo motivo, come ripetuto più volte, è molto importante la formazione degli operatori turistici, che oltre a sapere la lingua, devono saper comportarsi nel modo adeguato, conoscere le tradizioni e abitudini per non offendere in nessun modo il turista. 
In conclusione è risultato che l’ente ATL Alexala è complessivamente soddisfatto delle strategie attuate, soprattutto quelle di web marketing legate all’apertura dell’account e del blog su Sina Weibo e alle relazioni istaurate con i travel influencer cinesi”.
Tratto da:
"Il turismo cinese Outbound. Quali opportunità per l’Italia"


Tesi di Laurea di Alessia Amadei Colla, 

Nessun commento:

Posta un commento