mercoledì 6 febbraio 2019

Capodanno Cinese 2019 a Milano



Capodanno Cinese 2019 a Milano: 
tra turismo, opportunità di business e curiosità!

un articolo di Ilaria Gallo


Secondo il calendario lunare, il nuovo anno comincia il 5 febbraio, giorno in cui inizia l’anno del maiale 猪年, il dodicesimo segno dello zodiaco tradizionale cinese. Un'antica leggenda[1]spiega che l'ordine fu stabilito dall'Imperatore di Giada dopo che il maiale si classificò ultimo in una gara da lui organizzata. Il maiale è associato all'elemento yin ed è simbolo di ricchezza. 

Come si prepara Milano a questo evento che ogni anno porta numerosi turisti cinesi nella città?
Il capodanno cinese è diventato, ormai, un appuntamento fisso anche fuori dai confini cinesi. Le comunità cinesi in Italia, organizzano eventi, parate e festeggiamenti per celebrare l’arrivo del nuovo anno lunare. A Milano, in particolare, il cuore delle celebrazioni è la zona diVia Paolo Sarpi, la Chinatown del capoluogo lombardo. 

Anche quest’anno, come da tradizione, troviamo la tradizionale sfilata che si snoderà lungo la via principale, già decorata per l’occasione dalle caratteristiche lanterne rosse,  a partire dalle ore 14:00 di domenica 10 febbraiotra dragoni, ombrellini colorati, ballerini e figuranti tradizionali. 

Dal 3 al 10 febbraio lungo via Montenapoleone andrà in scena «MonteNapoleone Chinese New Year», l'evento creato per la prima volta da MonteNapoleone District per celebrare il Capodanno cinese. Con il Patrocinio dell’Ambasciata Cinese e del Comune di Milano, sarà visibile la mostra fotografica dell’artista cinese Liu Bolin[2], conosciuto anche come The Invisible Man. Combinando performance e fotografia, nelle sue installazioni si mimetizza con l’ambiente per analizzare la tensione che esiste tra l'individuo e la società.

Dal 4 al 10 febbraio, la Rinascente propone invece un allestimento ad hoc con le decorazioni che in Cina vengono considerate beneauguranti per il nuovo anno. Il colore dominante è il rosso, che secondo la leggenda spaventa Nian[3], il mostro che una volta l'anno esce dalla sua tana per invadere i villaggi.





Capodanno Cinese e opportunità di business:

Il Capodanno Cinese rappresenta la più grande migrazione sulla faccia della Terra. Se è vero che la maggior parte dei cinesi colgono l’occasione del Capodanno per rientrare a casa dalle loro famiglie, è anche vero che le aziende chiudono per circa due settimane, e che quindi, diventa l’occasione perfetta per chi vuole viaggiare più a lungo e in destinazioni più lontane, come appunto l’Italia.
La corsa al turismo per la Festa di primavera è iniziata circa 15 giorni fa e durerà fino al 1 marzo: si stima che alla fine il bilancio sarà di proporzioni enormi.

L’evento, inoltre,, nasconde una grande opportunità turistica per Milano e per le nostre città italiane: non solo in termini numerici e di capacità di spesa ma anche perché cade in un periodo dell’anno (fine gennaio/metà febbraio) storicamente tra i più deboli dal punto di vista turistico.

Come bisogna prepararsi ad accogliere i turisti cinesi?

Solitamente, i turisti cinesi prenotano circa 30-40 giorni prima del giorno di arrivo previsto, preferiscono di gran lunga gli hotel di medio-alto livello sebbene anche il settore extra alberghiero stia registrando una crescita. L’identikit del turista cinese durante la Festa di Primavera è di solito caratterizzato da famiglie e turisti di mezza età, i quali prediligono le camere familiari così come la presenza di un sistema di accoglienza e materiale informativo tradotto in lingua cinese. Immancabile dovrà essere il Wifi gratuito sia negli hotel che nei punti strategici della città e nei negozi. 

Negli ultimi anni, però, il turismo cinese si sta caratterizzando anche dai giovani millennials, di solito abituati a viaggiare in coppia o in piccoli gruppi di amici, fortemente influenzati dai KOLsinfluencers nelle loro scelte di viaggio. Ciò che più interessa questo target di turisti è l’experience, che deve essere la più particolare e unica possibile: vivere una giornata da locals ouna assaporare la vera cucina locale.

Quindi, per accogliere in maniera efficace i turisti cinesi basta poco, ma alcuni accorgimenti possono però fare la differenza: 

1.    Accettare i metodi pagamento cinesi: Alipay, Wechat Pay e UnionPaysono in assoluto i più famosi. La Cina si sta evolvendo in una società cashless, quindi è necessario integrare uno di questi metodi pagamento nel proprio servizio
2.    La Cina sta diventando sempre di una società digitale, quindi per gli esercizi commerciali che voglio penetrare questo mercatouna presenza su WeChatè necessaria. 
3.    Riuscire a gestire le relazioni con una clientela cinese:in questo caso è importante ricordarsi che alcuni aspetti di natura culturale non debbono essere ignorati o dati per scontato. Ad esempio accogliere il cliente con un té caldo di benvenuto, ricordarsi di evitare il numero 4 perchè simbolo di cattiva sorte o evitare comportamenti sgradevoli per rispettare la mianzi del cliente.
4.    Offrire esperienze personalizzate: È necessario ripensare interamente la propria offerta commerciale per intercettare i gusti e le preferenze dei clienti, i quali si stanno evolvendo sempre più verso un lifestyle di stampo occidentale, quindi più predispostoa spendere di più in viaggi, cene, centri benessere ed altre “esperienze”.

Nello specifico, Milano è pronta ad accogliere i turisti cinesi: si stima che si registrerà anche quest’anno una crescita positiva, e di sicuro verranno confermati i numeri del 2018, anno del Turismo Europa-Cina, durante il quale Milano si è piazzata tra le città più visitate d’Europa e la principale città dello shopping in Italia, rappresentando il 37% della spesa cinese in Italia[4]. Una conferma viene data anche al fatto che nell’ultimo anno, l’amministrazione si è dedicata a diventare«China friendly», ponendo un’attenzione particolare ai materiali informativi, agli help desk, alla possibilità di utilizzare negli esercizi commerciali i metodi di pagamento cinesi come Alipay e Wechat Pay, un’attenzione che si nota già dall’ingresso in città: negli aeroporti di Malpensa e Linate le indicazioni sono disponibili, oltre che in italiano e inglese, in cinese e russo.

Questi dati ci mostrano come la città si conferma in grado di continuare ad attrarre i viaggiatori dalla Cina, che hanno mostrato un alto potere d’acquisto e la tendenza a prenotare con un maggior anticipo di tempo e, al tempo stesso, contribuisce e garantisce anche una crescita del turismo nazionale. 

Ilaria Gallo 


[1]https://www.ltl-cinese.it/zodiaco-cinese-animali/
[2]http://www.arte.it/calendario-arte/milano/mostra-liu-bolin-hiding-the-fashion-districts-57783
[3]https://it.wikipedia.org/wiki/Nian
[4]https://www.webitmag.it/cresce-il-turismo-cinese-milano-e-italia-379-milioni-nel-2016_131785/

Nessun commento:

Posta un commento